Passeggiata al faro di Capo Zafferano

Disponibile

Il Faro di Capo Zafferano

Intorno al 1880, sul versante NE del capo zafferano, a 34 m s.l.m., viene costruito un faro, a cui si arriva attraverso una stradella comunale asfaltata di circa 2,20 m. di larghezza che consente il passaggio di un solo veicolo alla volta, una stradina tortuosa e strettissima che segue l’andamento del costone roccioso e che scavalca una piccola gola con un ponticello in mattoni.

Oggi annotato al Libro dei Fari della Marina Militare Italiana al n.3244 con la sigla di riconoscimento E2023 (38°06’7’’ N – 13°32’3’’ E), il faro di Capo Zafferano è stato presidio militare durante le due ultime guerre mondiali; per questo motivo è stato dotato di una serie di caseggiati e di una torretta di avvistamento.

Ha attinto energia da un sistema chimico a carboni di acetilene fino al 1970 quando è stato dotato di impianto elettrico. Nel 1980, cento anni dopo la sua costruzione, con il trasferimento del suo ultimo guardiano, ultimo di due generazioni di guardiani, il faro è stato abbandonato, funzionando adesso soltanto come segnalatore con batterie e sistema di accensione crepuscolare. Il faro di Capo zafferano è un sito importante per la navigazione lungo questo tratto di costa.

Uno specchio di mare che, da Capo zafferano a Solanto, a Termini, è stato teatro di eventi storici e testimone di rinomate città.


VIENI A SCOPRIRE LE MERAVIGLIE DEL NOSTRO TERRITORIO! CONTATTACI!


L’odierna Solanto, come molti sanno, fu il porto della punica Selaim, tra le tre più importanti colonie puniche della Sicilia occidentale insieme a Mozia e Palermo; fu il porto della Solunto ellenistica-romana; fu il sito di fornaci per la produzione di terracotte nel sovrastante piano di San Cristoforo.

Capo Zafferano fu sulla rotta dei commerci tra Palermo e Himera, tra Palermo e le foci dei fiumi (ilS.Giovanni, il S.Michele, il Cefalà) che dalle montagne di Misilmeri e Marineo portavano a valle acqua e legname.
 

Si doppiava il Capo per raggiungere Solanto che fu sede di una torre arabo-normanna, divenuta in seguito castello. Fu una delle più rinomate tonnare del Medioevo siciliano e al contempo caricatoio di frumento.

 


capo zafferano mare capo zafferano spiaggia capo zafferano come arrivare capo zafferano dove si trova capo zafferano cosa vedere capo zafferano hotel capo zafferano storia capo zafferano vino

 Cookie

Condividi

Carrello